Cornovaglia

Sulle orme di Re Artù tra scogliere, antichi manieri e villaggi di pescatori.

Meta del nostro viaggio d’Agosto sarà un lembo d’Inghilterra sorprendentemente bello e dalla storia millenaria, la Cornovaglia.  Questa Contea cerimoniale considerata territorio celtico e posta all’estremità della penisola sudoccidentale della Gran Bretagna, offre infatti innumerevoli motivi d’interesse. Regno di castelli, di splendidi e lussuosi manieri abitati per secoli da re, regine e duchi, di cattedrali gotiche e curatissimi giardini fioriti, è popolata da antichi villaggi di pescatori immutati nel tempo e rifugio per scrittori di successo; e bagnata per due terzi dal mare è caratterizzata da un paesaggio molto vario, con affascinanti scogliere, su cui s’infrangono le onde dell’oceano, panorami costieri mozzafiato, pascoli infiniti e brughiere spazzate dal vento.

p

Notizie Utili

Programma di viaggio:

Sulle orme di Re Artù tra scogliere, antichi manieri e villaggi di pescatori.

1° GIORNO – LONDRA – STONHENGE – EXTER
Partenza con volo Britsh Airway per Londra. All’arrivo trasferimento in pullman privato a Stonehenge, e visita al celebre sito neolitico, uno dei più importanti monumenti preistorici al mondo. Composto in due anelli concentrici di grosse pietre, questo complesso megalitico è al centro di un vivace dibattito archeologico, datato ormai con certezza a circa cinquemila anni fa se ne discute ancora la funzione originaria; alcuni studiosi pensano infatti si tratti di un tempio pagano, altri che sia un osservatorio astronomico o un calendario preistorico, e i racconti popolari lo ritengono opera dei Druidi. Associato a molte leggende, tra cui quella di Re Artù, e sopravvissuto per migliaia di anni solitario su una collinetta nella campagna dello Wiltshire, è meta non solo di turismo e di studio, ma dei seguaci del celtismo e di altre religioni neopagane. Luogo d’infinite suggestioni quindi che non lascerà di trasmettere un senso di meraviglia, una grandissima emozione e un certo timore reverenziale. Pranzo libero durante il viaggio. Quindi proseguimento per Exeter e all’arrivo sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

2° GIORNO – EXTER – TINTAGEL – TRURO
Dopo la prima colazione partenza per Tintagel, caratteristica cittadina situata in splendida posizione panoramica, sull’alto di un balzo roccioso affacciato sull’oceano, dove l’ardesia devoniana colora di verde-turchese il litorale e le acque; e visita alle suggestive rovine dell’antico Castello. Secondo la leggenda è qui che visse Re Artù, è qui che Merlino praticò in una grotta le sue arti occulte ed è qui che si svilupparono tutte le leggende riguardanti i cavalieri della Tavola Rotonda; luogo fantastico e magico quindi forse per le tante storie o forse per la vista mozzafiato, che abbraccia le imponenti scogliere della zona, tra baie impervie e strapiombi da capogiro, stregando il visitatore, trasportandolo in un sogno e facendogli respirare un forte senso di pace. Pranzo libero durante l’escursione. A seguire trasferimento a St. Ives famosa località affacciata su tre splendide baie, punto d’ispirazione per numerosi artisti affascinati dal piccolo porto, dalle spiagge sabbiose, dai profondi dirupi e dalla sorprendente luce che l’avvolge. Visita del pittoresco centro storico, i cui edifici vittoriani si affacciano su strette e pendenti vie acciottolate, in un susseguirsi di eleganti negozi, gallerie d’arte, chiesette e balconi fioriti. Al termine proseguimento per Truro, e all’arrivo sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

3° GIORNO – TRURO – LAND’S END – ST. MICHEL MOUNT – TRURO
Dopo la prima colazione partenza per l’escursione a Land’s End, letteralmente dove la terra finisce; così credevano in antico e scrutando il mare impetuoso dallo sconfinato orizzonte si potrebbe pensarlo ancora. Si tratta diun promontorio della penisola di Penwith, celebre per essere il punto più a sud-ovest della Gran Bretagna, quindi una bellissima passeggiata lungo la scogliera, tra prati di fiori e erica, permetterà di ammirare un indimenticabile scenario e scrutare il labile e incostante confine tra la terra e il mare. Pranzo libero durante l’escursione. Si proseguirà quindi per St. Michael’s Mount, la magica isola considerata il “gioiello sulla corona della Cornovaglia”. In questa montagna di granito, gemella di Mont S. Michelle, e raggiungibile a piedi con la bassa marea o in barca con l’alta, si visiterà il caratteristico villaggio di case in pietra arroccato ai piedi del grazioso Castello del XII secolo, che prese il posto di un’abbazia benedettina. Durante il viaggio si visiteranno inoltre il Minack Theatre, il più famoso teatro all’aperto della Gran Bretagna, costruito in granito nel 1931 da un facoltoso e bizzarro abitante del luogo, sul modello dei teatri dell’antica Grecia, e situato in suggestivo affaccio sul promontorio di fronte alla baia di Porthcurno; e, tempo permettendo. il Lighthouse Heritage Center, un centro di apprendimento interattivo realizzato all’interno del settecentesco faro di capo Lizard, nel punto più meridionale dell’Inghilterra. In serata rientro in hotel a Truro, cena e pernottamento.

4° GIORNO – TRURO – WINCHESTER – GLASTONBURY – WINCHESTER
Dopo la prima colazione partenza per Winchester e durante il viaggio visita all’incantevole Stourhead Gardens, un tipico parco all’inglese realizzato a metà del ‘700. Chiamato da una rivista dell’epoca “l’opera d’arte vivente”, si sviluppa in un ameno sentiero che ruota intorno ad un magnifico lago immerso nel verde, dove si riflettono templi classici, grotte mistiche e alberi rari ed esotici. Pranzo libero durante il viaggio. Quindi si proseguirà per Glastonbury dove si visiteranno gli affascinanti e monumentali resti della celebre Abbazia, luogo arcano catalizzatore di numerose leggende. Si vuole infatti che qui sia nato il Cristianesimo nelle isole britanniche e qui sia sorta la prima chiesa, a trent’anni dalla morte di Cristo, per custodire il sacro Graal; in questo luogo Giuseppe d’Arimatea fu con Gesù fanciullo, e in quell’occasione sorse la Sacra Spina, oggetto di numerosi pellegrinaggi nel Medioevo, mentre in altre versioni legate al mito arturiano Glastonbury è identificata con la leggendaria isola di Avalon; un sito dunque pieno di energia dove convivono misticismo e paganesimo. In serata sistemazione in hotel a Winchester, cena e pernottamento.

5° GIORNO – WINCHESTER
Dopo la prima colazione visita alla storica cittadina di Winchester, fondata dai romani e sede per secoli del potere reale anglosassone e normanno, nonché luogo dell’incoronazione reale nella sua celebre cattedrale. Si visiterà appunto l’immensa Cattedrale, la seconda più lunga d’Europa, che costruita a cavallo tra l’età romanica e quella gotica su una piccola chiesa sassone, è un connubio di stili; a pianta latina con la sua vertiginosa navata a volte ed enormi vetrate, conserva splendide e ricchissime cappelle, un magnifico coro del ‘300, tra i più antichi d’Inghilterra, sculture e dipinti medioevali e una suggestiva cripta che si allaga nel periodo invernale. A seguire si visiterà la maestosa Great Hall, la sala principale nonché l’unica superstite del Castello, voluta nella prima metà del ‘200 da Enrico III, che qui aveva avuto i natali. In essa si conserva la mitica Tavola Rotonda eseguita nel XIII secolo, ma ridecorata da Enrico VIII, intorno al cui bordo si leggono i nomi dei Cavalieri di Re Artù. Dopo il pranzo libero trasferimento nel New Forest National Park ed escursione alla scoperta di questa zona che fu scelta da Guglielmo I d’Inghilterra come riserva reale di caccia; in essa troveremo un paesaggio molto vario comprendente antichi boschi, incantevoli paesini, pascoli, prati di erica e felci abbelliti dalle campanule, zone umide e coste. In serata rientro in hotel a Winchester, cena e pernottamento.

6° GIORNO – WINCHESTER – LONDRA
Dopo la prima colazione partenza per Londra e all’arrivo visita alla Torre di Londra, celebre complesso medioevale composto da diversi edifici fortificati, voluto nel 1078 da Guglielmo il Conquistatore per difendere la città dalle invasioni esterne, e per proteggere i Normanni dai cittadini di Londra. Suggestivamente affacciato sul Tamigi, questo complesso architettonico fu usato nei secoli come fortezza, polveriera, palazzo reale e prigione per detenuti di famiglie nobili; oggi in esso si possono visitare i Gioielli della Corona, un’elegante Collezione di Armature reali e i resti delle Mura romane, nonché fare la conoscenza dei Beefeater, nomignolo delle “Guardie del Palazzo Reale di Sua Maestà e della Fortezza della Torre di Londra” con la loro tipica uniforme nera e rossa il cui compito è oggi proteggere i Corvi, una cui colonia da sempre risiede tra le mura della Torre e dalla cui sopravvivenza, recita una leggenda, dipende quella della Torre stessa e dell’Impero Britannico. Pranzo libero. Nel pomeriggio visita panoramica in pullman della più grande metropoli europea e soste nei siti più monumentali. Si inizierà da Oxford street dove si trovano i grandi magazzini, per Regent street e Bond street passando per
Marble Arch e l’angolo degli oratori in Hyde Park, quindi si toccherà la Royal Albert Hall, il Knightsbridge e Harrods; si attraverserà la zona diplomatica di Belgravia, Lambeth e l’Abbazia di Wesminster, mausoleo nazionale e luogo di matrimoni e incoronazioni reali, la Whitehall, centro dei maggiori uffici del Governo, fino allo spettacolare Ponte Levatoio, l’ultimo ponte sul Tamigi che ancora si alza per far passare navi ad alto carico. In serata sistemazione in hotel a Londra, cena e pernottamento.

7° GIORNO – LONDRA
Dopo la prima colazione visita alla National Gallery nella celebre Trafalgar Square, il più visitato museo del Regno Unito, ospitato dal 1838 in un edificio neoclassico. Riaperto da pochi anni dopo il colossale restauro che l’ha riportato al “decor” vittoriano originario, guarda al futuro con i grandi schermi al plasma su cui scorrono le immagini dei dipinti esposti in collezione, o i monitor touch screen su cui scorre l’art start, uno straordinario programma interattivo che permette all’utente di navigare in libertà tra le opere del museo. Opere incredibili quelle della prima raccolta d’arte della nazione, uno strepitoso bouquet che va da Giotto a Van Gogh, ricchissimo di capolavori italiani dal Medioevo al Rinascimento, con Bellini, Botticelli, Piero della Francesca, Paolo Uccello, Leonardo, Raffaello, Michelangelo, Tiziano, Tintoretto e Veronese. Dopo la visita, tempo libero per il